Claustrofobia: paura di viaggiare, dell’aereo, dei luoghi chiusi. Come superarla…

La claustrofobia è la condizione per la quale rimanere chiusi in luoghi da cui si ha difficoltà a uscire o ad andarsene con immediatezza diventa estremamente stressante e può perfino portare ad avere attacchi di panico. La paura è tipicamente quella di sentirsi male, svenire, soffocare, perdere il controllo, non poter fuggire in caso di necessità e di non essere soccorsi in caso di bisogno.

Le situazioni che portano a tale condizione sono anche molto comuni: luoghi chiusi o affollati come cinema, ristoranti, discoteche, pub; trovarsi a viaggiare nel traffico cittadino o in autostrada (con l’ovvia difficoltà di non potersi fermare in caso di bisogno); affrontare tunnel o gallerie stradali, prendere l’ascensore, viaggiare in trenoautobusmetropolitana, e infine in nave o in aereo.

La terapia breve strategica della claustrofobia si fonda su una graduale modificazione dei fattori scatenanti che portano a percepire sensazioni così esasperate di paura. Solo successivamente si procede a riconquistare l’autonomia personale riaffrontando gradualmente le situazioni precedentemente tanto temute.

Bibliografia

Giorgio Nardone (2000). Non c’è notte che non veda il giorno. Ponte alle Grazie.

 

Comments are closed.

facebook Linkedin youtube slideshare

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Youtube